Il disegno di una “città plurale” secondo don Momigli

////Il disegno di una “città plurale” secondo don Momigli

Il disegno di una “città plurale” secondo don Momigli

Pubblicato il 17.01.2018 alle 10:16

FIRENZE – Hanno partecipato davvero in tanti, come testimoniano anche le immagini pubblicate qui di seguito, e con grande attenzione alla presentazione del libro “La città plurale. Immigrazione, interazione, unità civica”, scritto da don Giovanni Momigli per Tau Editrice. Presentazione che si è svolta ieri nella Sala Luca Giordano di Palazzo Medici Riccardi alla presenza, oltre che dello stesso don Momigli, del sindaco di Firenze e della Città Metropolitana Dario Nardella, di Antonio Maria Baggio (ordinario di Filosofia politica presso l’Istituto Universitario Sophia), Luca Diotallevi (ordinario di Sociologia presso l’Università Roma Tre), Izzeddin Elzir (imam di Firenze e presidente Ucoii). Ha moderato l’incontro Gianni Bianco, giornalista del Tg3. E’ intervenuto e ha portato il suo saluto anche il cardinale Giuseppe Betori, Arcivescovo di Firenze.

(Fotografie di Antonello Serino, Ufficio Stampa – Redazione di Met).

Di | 2018-02-08T17:03:16+00:00 17 gennaio 2018|Conferenze|

Info sull'autore:

Antonio Maria Baggio
Professore ordinario di “Filosofia Politica” nell’Istituto Universitario “Sophia”, Direttore della collana “Idee Politica” di Città Nuova Editrice (Roma), Presidente della Fondazione T. Weber, Membro della Commissione Internazionale della RUEF (Red Universitaria para el Estudio de la Fraternidad).