Sinodo, prof, Baggio: in molta stampa c’è l’applicazione di un modello interpretativo legato alla politica. I media cattolici devono rafforzare controinformazione

Intervista al prof. Antonio Maria Baggio, politologo, docente di Filosofia politica Università Sophia di Loppiano (Fi) , direttore rivista “Nuova Umanità” del Movimento dei Focolari.

Perché un evento ecclesiale come il Sinodo, si trasforma per la stampa in fatto politico, concentrando l’informazione su temi come le unioni civili, la comunione ai divorziati-risposati, ignorando tutto il resto di cui i padri sinodali si occupano?

“In molta stampa c’è l’applicazione di un modello interpretativo del Sinodo legato alla politica per leggere una realtà ecclesiale ed umana. Questo può dipendere da vari fattori. A volte,siamo di fronte a prese di posizioni ideologiche. Quindi, non si riconosce la realtà della Chiesa e la missione che  ha nei confronti della società e dell’umanità. La si riduce ad una struttura politica. Cosa che la Chiesa non è. E’ una struttura umana che si deve governare: questo è strumentale alla realtà della Chiesa che incontriamo ogni giorno, che significa vicinanza alle persone, sacramenti, annuncio di speranza. Da una parte, quindi, c’è un’ideologia che vuole negare tutto ciò e la si trova in mille modi. Nel dare, ad esempio, un peso enorme alle tesi di alcuni cardinali rispetto ad altri. Ma  c’è anche impreparazione. I temi ecclesiali non sono ben conosciuti. Una società che si è allontanata da una formazione religiosa non sa bene come interpretare. C’è lontananza dalla cultura della religione”.

Prof. Baggio, leggendo le cronache del Sinodo, e in passato altri eventi ecclesiali, c’è il dubbio che si segua talora un racconto dettato non tanto dai fatti ma delle idee del singolo cronista o testata…

 Non voglio fare generalizzazioni, ma questo, nella stampa, si incontra spesso. Purtroppo esiste una parte rilevante della realtà umana che non riusciamo ad incontrare nei mezzi di comunicazione di massa. Sembra che non la vogliano vedere. Soprattutto la gran parte che si lega all’ispirazione religiosa e che organizza il sociale. Che fa qualcosa di buono. Che tiene in piedi la società anche nei momenti di crisi. Tutto ciò non lo si vuole vedere e tutto questo ha un peso politico, perché non  vedere la forza effettiva che l’ispirazione religiosa mette nella società, la sua traduzione in fatti, speranza, solidarietà è una scelta. Bisogna però anche dire che la stampa, i mezzi di comunicazione hanno dato molta attenzione a Papa Francesco. E , se si parla del Sinodo sulla famiglia, è anche perché Papa Francesco l’ha voluto, l’ha deciso come Sinodo straordinario e si è colto un elemento importante nella sfida che Francesco ha posto con questo Sinodo. Cioè, quella di passare da una logica del divieto, dei precetti, di ciò che non devi fare per poter vivere la dottrina, ad una logica diversa che è molto più cristiana, che è quella della vicinanza, soprattutto alle famiglie sofferenti, e della condivisione. Quindi con questo Sinodo la Chiesa sta facendo una prova, un cambiamento di sensibilità che potrebbe essere determinate per futuro. Questo alcuni mezzi di comunicazione l’hanno colto.

 Ci dobbiamo rassegnare al rischio di una “politicizzazione” nell’informazione di avvenimenti ecclesiali  ?

 Lo abbiamo sperimentato spesso in anni passati, con le grandi campagne di riflessione civile sull’aborto, sulla procreazione artificiale, sul divorzio. E questo continuerà, purtroppo, perché ci sono delle prese di posizione legate ad interessi, e l’unione tra parti politiche ed alcune componenti del giornalismo, è una cosa frequente. Questo, incide molto sulla professionalità delle persone. Però quello che noi possiamo fare è cercare di moltiplicare la controinformazione su questo. Vorrei sottolineare che i grandi temi del Sinodo di cui i giornali non parlano, perché fanno esattamente quello che dice lei, cioè politicizzano, interpretano l’acqua come se fosse fuoco, sono fondamentali per la vita della società. Una delle questioni del Sinodo è come preparare al matrimonio. Come preparare dei giovani ad un progetto. Ma persone che hanno un progetto di famiglia, poi sono in grado di progettarsi anche nel lavoro, nella professione, nella solidarietà? E soprattutto sono in grado di non essere passive di fronte alle grandi correnti di opinioni manipolate che oggi invece girano.

 Prof. Baggio, i media cattolici sono in grado di fare controinformazione?

 Penso che sia essenziale che la stampa cattolica ci sia.  Ma da sola non basta. Deve  rinforzare un’alleanza con la realtà dei cattolici. Con la realtà delle parrocchie, dei movimenti, delle associazioni. Se ci fosse un’alleanza più forte tra i mezzi di comunicazione cattolici e tante realtà vitali del mondo cattolico, certamente la loro potenza di informazione ne risulterebbe moltiplicata. Questo come auspicio. Già fanno bene.

AUDIO

TESTO

I commenti sono chiusi.

Archivio articoli

LINK

Newsletter

Calendario eventi

ottobre 2014
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031EC
novembre 2014
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930